facebook
Seleziona una pagina
MISE Italia: “Bando Smart Money” (gent-2012)

MISE Italia: “Bando Smart Money” (gent-2012)

MISE Italia: “Bando Smart Money”

(gent-2012)

MISE Italia: “Bando Smart Money”

Descrizione e Obiettivi

L’incentivo Smart Money è rivolto alle startup innovative che intendono sfruttare i servizi specialistici e il know-how qualificato dei rappresentanti dell’ecosistema dell’innovazione per definire il loro progetto imprenditoriale e prepararsi per il lancio sul mercato. Smart Money ha l’obiettivo di facilitare l’incontro tra startup innovative e la rete degli incubatori e degli altri soggetti abilitati per rafforzare la presenza delle startup in Italia e supportare le potenzialità delle imprese innovative in difficoltà nell’affrontare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

 

Spese ammissibili

Il bando prevede due forme di intervento a sostegno delle startup innovative:

 

1) Contributi a fondo perduto per l’acquisto di servizi forniti dalla rete di incubatori, acceleratori e altri enti abilitati

Per ottenere l’agevolazione, le imprese dovranno presentare dei progetti di sviluppo che:

  • contengano una soluzione innovativa da proporre sul mercato, con un modello di business scalabile, da sviluppare nei dettagli operativi in una fase successiva
  • puntino sul valore delle competenze tecnologiche e manageriali all’interno dell’impresa, attraverso i soci e/o il team proposto, o con professionalità da reperire sul mercato
  • siano nella fase di individuazione del mercato o siano vicini alla fase di test di mercato, con lo sviluppo di un prototipo (Minimum Viable Product) o con la prima sperimentazione del prodotto o servizio per misurare il gradimento dei potenziali clienti e/o investitori.
  • I progetti dovranno prevedere piani di attività da realizzare in almeno 12 mesi ed evidenziare che l’utilizzo dei servizi specialistici sia diretto ad accelerare lo sviluppo di uno specifico progetto.

I servizi ammissibili devono essere erogati dagli attori dell’ecosistema dell’innovazione (incubatori, acceleratori e innovation hub) e possono riguardare:

  • la consulenza organizzativa, operativa e strategica per lo sviluppo e la realizzazione del progetto
  • la gestione della proprietà intellettuale
  • il supporto nell’autovalutazione della maturità digitale
  • lo sviluppo e lo scouting di tecnologie
  • la prototipazione, ad esclusione del prototipo funzionale
  • i lavori preparatori per campagne di crowfunding
  • Sono inoltre ammissibili i servizi di incubazione come l’affitto dello spazio fisico e i servizi accessori di connessione e le attività di networking, se direttamente collegati ai servizi indicati nell’elenco.

2)Investimenti nel capitale di rischio delle start-up innovative

Smart money prevede una seconda forma di sostegno per le startup innovative che completeranno il piano di attività ammesso con la linea di intervento 1.

Le startup possono infatti richiedere un secondo contributo a fondo perduto se hanno ricevuto capitali di rischio da parte di enti abilitati, investitori qualificati o business angels per finanziare i loro piani di sviluppo.

Per ottenere il contributo collegato all’investimento, l’operazione deve essere in equity, di importo superiore a 10.000 euro, non raggiungere la quota di maggioranza nel capitale sociale e garantire una permanenza per almeno 18 mesi. E la raccolta fondi deve essere avvenuta senza l’intermediazione di piattaforme di equity crowdfunding.

Entità del contributo

L’agevolazione per i progetti relativi alla linea 1 prevedono un contributo a fondo perduto per un importo massimo di 10.000 euro che può coprire fino all’80% delle spese ammissibili.

L’agevolazione per i progetti relativi alla linea 2 prevedono un contributo a fondo perduto pari al 100% dell’investimento nel capitale di rischio, nel limite complessivo di 30.000 euro.

 

Quando partecipare
I termini per partecipare verranno comunicati a breve.

 

Chi può partecipare

Possono presentare domanda di agevolazione le startup innovative costituite da meno di 24 mesi e iscritte alla sezione speciale del registro delle imprese. Devono avere sede in Italia, essere di piccole dimensioni e trovarsi in una delle seguenti fasi:

  • avviamento dell’attività;
  • sperimentazione dell’idea d’impresa (pre-seed);
  • test del mercato finale per misurare l’interesse per il prodotto/servizio (seed).

Per altre informazioni contattaci

Privacy

Regione Lombardia: “Bando Al Via” (fin-2007)

Regione Lombardia: “Bando Al Via” (fin-2007)

Regione Lombardia: “Bando Al Via”

(fin-2007)

Regione Lombardia: “Bando Al Via”

Descrizione e Obiettivi

Il bando è finalizzato a supportare nuovi investimenti da parte delle PMI, al fine di rilanciare il sistema produttivo e facilitare la fase di uscita dalla crisi socio-economica che ha investito anche il territorio lombardo. L’Iniziativa inoltre, a seguito dell’emergenza dovuta all’epidemia Covid-19, intende supportare le imprese nella riconversione dei processi produttivi connessa alla citata emergenza sanitaria e al mutato paradigma socioeconomico.

 

La misura si compone di 3 LINEE:

  • Linea Sviluppo Aziendale, che finanzia investimenti su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo, da realizzarsi nell’ambito di generici piani di sviluppo aziendale;
  • Linea Rilancio Aree Produttive, che finanzia investimenti per lo sviluppo aziendale basati su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo legati a piani di riqualificazione e/o riconversione territoriale di aree produttive;
  • Linea Investimenti Aziendali Fast, che finanzia investimenti su programmi di ammodernamento e ampliamento produttivo ivi compresi quelli legati all’adeguamento ai nuovi protocolli sanitari e di sicurezza in seguito all’emergenza Covid-19.

Spese ammissibili

Sono ammesse spese per:

Per la Linea Sviluppo Aziendale, sono ammesse spese superiori a € 53.000 e inferiori a € 3 mln (regolamento esenzione) e € 2 mln (regolamento de Minimis). I Progetti inerenti la Linea Sviluppo Aziendale devono essere realizzati nel termine massimo di 15 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del Contributo in conto capitale e della Garanzia.

Sono ammesse le seguenti spese:

  • acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  • acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware);
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati
  • all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica.

Per la Linea Rilancio Aree Produttive sono ammesse spese superiori a € 53.000 e inferiori a € 6 mln (regolamento esenzione) e € 2 mln (regolamento de Minimis). I Progetti inerenti la Linea Rilancio Aree Produttive devono essere realizzati nel termine massimo di 18 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del Contributo in conto capitale e della Garanzia.

Sono ammesse le seguenti spese:

  • acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  • acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware);
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati l’introduzione di criteri di ingegneria antisismica;
  • acquisto di proprietà/diritto di superficie in relazione ad immobili destinati all’esercizio dell’impresa

Per la Linea Investimenti Aziendali Fast sono ammesse spese superiori a € 100.000 e inferiori a € 800.000. I Progetti inerenti la Linea Investimenti Aziendali Fast devono essere realizzati nel termine massimo di 8 mesi a partire dalla data del decreto di concessione del Contributo in conto capitale e della Garanzia.

Sono ammesse le seguenti spese:

  • acquisto di macchinari, impianti specifici e attrezzature, arredi nuovi di fabbrica necessari per il conseguimento delle finalità produttive;
  • acquisto di sistemi gestionali integrati (software & hardware);
  • acquisizione di marchi, di brevetti e di licenze di produzione;
  • opere murarie, opere di bonifica, impiantistica e costi assimilati, anche finalizzati all’introduzione di criteri di ingegneria antisismica;

ulteriori tipologie di spese nel limite del 15% del totale delle spese ammissibili:

  • macchinari relativi ai sistemi di misurazione e controllo della temperatura corporea a distanza, anche con sistemi di rilevazione biometrica;
  • sistemi software e sistemi IOT per il distanziamento e la sicurezza dei lavoratori connessi alle esigenze normative in ambito sanitario;
  • interventi strutturali all’impianto di aerazione della struttura finalizzate al miglioramento della sicurezza sanitaria;
  • rimodulazione e ri-progettazione del layout degli spazi di/per lavoro connessi alle esigenze normative in ambito sanitario;
  • spese di consulenza riferite ai punti precedenti

Tutte le spese devono essere avviate dopo la presentazione della domanda.

Entità del contributo

Per la Linea Sviluppo Aziendale l’agevolazione è composta da:

  • Co-finanziamento a medio-lungo termine di Finlombarda e banche convenzionate, tra 50.000 e 2.850.000 euro con durata tra 3 e 6 anni (incluso pre-ammortamento 18 mesi). Il Tasso d’Interesse che sarà determinato in funzione del livello di rischio assegnato all’azienda;
  • Garanzia max 70% sul finanziamento;
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale, fino al 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa, dell’importo complessivo delle spese e del regime di aiuto scelto.

Per la Linea Rilancio Aree Produttive

  • Co-finanziamento a medio-lungo termine di Finlombarda e banche convenzionate, tra 50.000 e 2.850.000 euro con durata tra 3 e 6 anni (incluso pre-ammortamento 18 mesi). Il Tasso d’Interesse che sarà determinato in funzione del livello di rischio assegnato all’azienda;
  • Garanzia max 70% sul finanziamento;
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale, fino al 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa, dell’importo complessivo delle spese e del regime di aiuto scelto.

Per la Linea Investimenti Aziendali Fast

  • Co-finanziamento a medio-lungo termine di Finlombarda e banche convenzionate, tra 85.000 e 760.000 euro con durata tra 3 e 6 anni (incluso pre-ammortamento 18 mesi). Il Tasso d’Interesse che sarà determinato in funzione del livello di rischio assegnato all’azienda;
  • Garanzia max 70% sul finanziamento;
  • Contributo a fondo perduto in conto capitale, fino al 15% dell’investimento ammissibile a seconda della dimensione dell’impresa.

Quando partecipare

Domanda a partire dalle ore 10.00 del 22 settembre 2020 fino al 30 giugno 2021.

Chi può partecipare

Possono partecipare all’iniziativa le PMI con sede operativa in Lombardia iscritte e attive al Registro delle Imprese da almeno 24 mesi con codice ATECO primario C – Attività manifatturiere; F – Costruzioni; H – Trasporto e magazzinaggio; J – Servizi di informazione e comunicazione; M – Attività professionali, scientifiche e tecniche; N – Noleggio, agenzie di viaggio, servizi di supporto alle imprese.

Per altre informazioni contattaci

Privacy

Regione Lombardia: “Linea internazionalizzazione plus” (fin-2009)

Regione Lombardia: “Linea internazionalizzazione plus” (fin-2009)

Regione Lombardia: "Linea internazionalizzazione plus"

Bando “Linea internazionalizzazione plus”

Descrizione e Obiettivi

È un’iniziativa finalizzata a promuovere l’internazionalizzazione del tessuto imprenditoriale lombardo supportando la realizzazione di progetti di internazionalizzazione complessi da parte di PMI tramite la realizzazione di programmi integrati atti a sviluppare e/o consolidare la presenza e la capacità di azione delle stesse nei mercati esteri.

Spese ammissibili

Sono ammesse spese per:

  • a) Partecipazione a fiere internazionali in Italia e all’estero e ad eventi a queste collegati (ad es. workshop,
    eventi B2b, seminari, ecc.). Sono altresì ammissibili spese per la partecipazione a fiere virtuali e per
    l’utilizzo di piattaforme di matching/agendamento di incontri collegati alle fiere.
  • b) Istituzione temporanea all’estero (per un periodo di massimo 6 mesi) di showroom/spazi espositivi per
    la promozione dei prodotti/brand sui mercati esteri. Sono altresì ammissibili spese per
    vetrine/esposizioni virtuali.
  • c) Azioni di comunicazione ed advertising per la promozione di prodotti o brand su mercati esteri.
  • d) Spese relative allo sviluppo e/o adeguamento di siti web o l’accesso a piattaforme cross border
    (B2B/B2C) per consolidare la propria posizione sui mercati esteri anche finalizzati alla vendita on line di
    prodotti o servizi.
  • e) Consulenze in relazione al Progetto e al programma di internazionalizzazione.
  • f) Spese per il conseguimento (no consulenze) di certificazioni estere per prodotti da promuovere nei
    paesi target (incluse le certificazioni per l’ottenimento dello status di Operatore Economico Autorizzato
    e delle altre figure di esportatore autorizzato previste dagli accordi di libero scambio siglati dalla UE
    con Paesi terzi).
  • g) Commissioni per eventuali garanzie fidejussorie di cui alla D.G.R n. 675/2018.
    h) Spese per il personale dipendente (in Italia e all’estero) impiegato nel Progetto di
    internazionalizzazione calcolate in maniera forfettaria nella misura del 20% sul totale delle spese dalla
    lettera a) alla lettera g).
  • i) Spese generali forfettarie nella misura del 7% sul totale delle spese dalla lettera a) alla lettera h).

Per le spese di personale e le spese generali si fa ricorso alle opzioni di semplificazione dei costi di cui al Reg.
(UE) 1303/2013 e Reg. (UE) 1046/18.

Entità del contributo

L’agevolazione sarà concessa fino al 100% delle spese ammissibili di cui l’80% sotto forma di finanziamento
agevolato ed il restante 20% sotto forma di contributo a fondo perduto.

Il tasso nominale annuo di interesse applicato al Finanziamento è fisso ed è pari allo 0%.
L’agevolazione minima richiedibile è pari a € 40.000
L’agevolazione massima richiedibile è pari a € 500.000
La durata del finanziamento è compresa tra i 3 e i 6 anni, con un periodo di preammortamento massimo pari a 24 mesi.

Le agevolazioni concesse si inquadrano come segue:

– per la quota di contributo a fondo perduto nel Regime quadro della disciplina degli aiuti SA.57021 e in
particolare nella sezione 3.1. della Comunicazione della Commissione Europea approvata con Comunicazione
(2020) 1863 del 19.3.2020 “Quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell’economia
nell’attuale emergenza del COVID-19” e s.m.i., nei limiti e alle condizioni di cui alla medesima comunicazione ed all’art. 54 del D.L. 34/2020, fino ad un importo di 800.000,00 euro per impresa, al lordo di oneri e imposte;

– per la quota di finanziamento nel Regolamento (UE) n. 1407/2013 della Commissione del 18 dicembre 2013
relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell’Unione Europea agli aiuti «de minimis».

Quando partecipare

In attesa di apertura.

Chi può partecipare

Possono partecipare all’Iniziativa le PMI lombarde iscritte e attive al Registro delle Imprese da almeno 24 mesi.
Sono escluse le PMI lombarde che abbiano un codice ATECO 2007 primario di cui alle sezioni A (Agricoltura,
Silvicoltura e Pesca), L (Attività immobiliari) e K (Attività finanziarie ed assicurative).

Per altre informazioni contattaci

Privacy

Regione Lombardia: “FRIM FESR 2020 Ricerca e sviluppo” (fin-2006)

Regione Lombardia: “FRIM FESR 2020 Ricerca e sviluppo” (fin-2006)

Linea di intervento FRIM FESR 2020 ricerca e sviluppo

Bando “Linea di intervento FRIM FESR 2020 ricerca e sviluppo”

Descrizione e Obiettivi

È un’iniziativa finalizzata a favorire gli investimenti in ricerca e sviluppo finalizzati all’innovazione da parte delle piccole e medie imprese, anche di nuova costituzione, in grado di garantire ricadute positive sul sistema competitivo e territoriale lombardo.

Spese ammissibili

Sono ammesse le seguenti spese:

  • costi del personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario) purché impiegato per la realizzazione del Progetto fino ad un massimo del 50% delle spese totali ammissibili;
  • costi di ammortamento relativi ad impianti, macchinari e attrezzature (nuovi o usati) nella misura e per il periodo in cui sono utilizzati per il Progetto; nel caso di beni acquisiti in leasing finanziario, sono ammissibili i canoni pagati al netto delle spese accessorie (tasse, margine del concedente, costi di rifinanziamento degli interessi, spese generali, oneri assicurativi), nella misura e per il periodo in cui il relativo bene è utilizzato per il Progetto con riferimento al periodo di ammissibilità delle spese;
  • costi della ricerca contrattuale, delle competenze tecniche e dei brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne, nonché i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell’attività di ricerca;
  • costi dei materiali direttamente connessi alla realizzazione del Progetto per un massimo del 10% delle spese totali ammissibili di Progetto;
  • spese generali forfettarie addizionali derivanti direttamente dal Progetto per il 15% delle spese di personale di Progetto.

I progetti dovranno essere ultimati entro 18 mesi dalla data del decreto di concessione dell’agevolazione, salvo proroga di massimo 6 mesi.

Entità del contributo

L’iniziativa prevede un finanziamento agevolato:

  • importo: minimo 100 mila euro, massimo 1 milione di euro
  • durata: tra 3 e 7 anni (preammortamento max 2 anni) a quote capitale costante
  • tasso nominale annuo fisso pari a 0,5%

A seguito di istruttoria finanziaria, sulla base della classe di rischio assegnata in base al “credit scoringdi cui alla D.G.R. n. 675/2018, possono essere richieste garanzie sul finanziamento.

Quando partecipare

E’ possibile presentare la domanda Fino ad esaurimento risorse

Chi può partecipare

Possono partecipare all’Iniziativa:

  • le PMI con sede operativa in Lombardia o che intendono costituirla iscritte e attive al Registro delle Imprese.
  • Liberi professionisti lombardi in forma singola.

Per altre informazioni contattaci

Privacy

Regione Lombardia: “Bando Fiere Internazionali” (fin-2008)

Regione Lombardia: “Bando Fiere Internazionali” (fin-2008)

Contributi per la partecipazione delle PMI alle fiere internazionali in Lombardia

Bando “Contributi per la partecipazione delle PMI alle fiere internazionali in Lombardia

Descrizione e Obiettivi

Promuovere l’attrattività del “Sistema Lombardia” sui mercati globali creando occasioni di incontro tra imprenditori italiani ed esteri finalizzati ad attrarre investimenti e a promuovere accordi commerciali, attraverso il sostegno alla partecipazione delle piccole e medie imprese alle manifestazioni fieristiche di livello internazionale che si svolgono in Lombardia, come strumento per sostenere la ripresa delle imprese e del sistema fieristico nel suo complesso.

Spese ammissibili

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto in percentuale delle spese ammissibili.

Per i Nuovi espositori, laddove l’impresa richiedente, relativamente a tutte le fiere indicate nel progetto, non abbia partecipato:

  • nelle precedenti 3 edizioni, per le fiere con cadenza annuale o inferiore;
  • nelle precedenti 2 edizioni, per le fiere con cadenza biennale o superiore;

l’agevolazione è concessa fino a un massimo di € 15.000, con la seguente intensità di aiuto:

  • 50% delle spese ammissibili, nel caso di partecipazione ad una sola fiera
  • 60% delle spese ammissibili, nel caso di partecipazione a due o più fiere, incluse diverse edizioni della stessa fiera

Per gli Espositori abituali, laddove l’impresa richiedente, relativamente ad almeno una delle fiere indicate nel progetto, abbia già partecipato nelle precedenti 2 o 3 edizioni, a seconda della cadenza della fiera, l’agevolazione è concessa fino a un massimo di € 10.000, con la seguente intensità di aiuto:

  • 40% delle spese ammissibili, nel caso di partecipazione ad una sola fiera
  • 50% delle spese ammissibili, nel caso di partecipazione a due o più fiere, incluse diverse edizioni della stessa fiera

Premialità

L’intensità di aiuto massima concedibile, sia nel caso di nuovi espositori che di espositori abituali, è incrementata di:

  • +5%, in caso di microimpresa,
  • +5%, in caso di startup (impresa iscritta al Registro Imprese e attiva da non più di 24 mesi)

L’intensità di aiuto massima concedibile risulta pertanto pari all’70% delle spese ammissibili per i nuovi espositori e al 60% per gli espositori abituali.

 

Chi può partecipare

Micro, Piccole e Medie Imprese con almeno una sede operativa in Regione Lombardia.

Per altre informazioni contattaci

Privacy