facebook
Seleziona una pagina
Con i Bambini: “Bando comunità educanti” (fiini-2103)

Con i Bambini: “Bando comunità educanti” (fiini-2103)

Con i Bambini: "Bando Comunità Educanti)

(fiini-2103)

CON I BAMBINI: “Bando Comunità Educanti”

Descrizione e Obiettivi

l Bando è promosso dall’Impresa Sociale “Con i Bambini” e ha l’obiettivo di favorire la costruzione e il potenziamento di “comunità educanti” efficaci e sostenibili nel tempo, che siano in grado di costituire l’infrastruttura educativa del territorio di riferimento e di offrire risposte organiche, integrate e multidimensionali ai bisogni educativi di bambini, bambine e adolescenti. Per far nascere una comunità educante è necessario coinvolgere tutti i soggetti del territorio, per riportare i giovani e le loro famiglie al centro dell’interesse pubblico. Condividendo strumenti, idee e buone pratiche, è possibile raggiungere l’obiettivo comune di migliorare le condizioni di vita dei minori, che diventano non solo destinatari dei servizi, ma soprattutto protagonisti e soggetti attivi delle iniziative programmate e attivate. 

Nello specifico i progetti dovranno: Identificare, riconoscere e valorizzare le comunità educanti che, in modo accessibile e aperto, prevedano l’attivazione e la partecipazione di tutti gli attori territoriali nei processi educativi e, in particolare, il pieno coinvolgimento dei bambini e delle bambine, delle ragazze e dei ragazzi, delle famiglie, pensando a ognuno di loro non più solo come destinatario dei servizi, ma anche come protagonista e attore delle iniziative programmate e attivate.  

Chi può partecipare

Un Ente di Terzo Settore in partnership con altri due soggetti, di cui:
– almeno un altro ente di terzo settore
– enti del mondo delle istituzioni, scuola, sistemi regionali
– enti profit, solo se non cercano profitto, ma apportano competenze e risorse

Le proposte devono essere presentate da partnership costituite da almeno tre soggetti che assumeranno un ruolo attivo nella co-progettazione e nella realizzazione della proposta. Ogni partnership ha un soggetto responsabile (costituito da almeno 2 anni, sede legale/operativa nella regione di intervento, aver presentato solo 1 domanda al seguente bando) che coordinerà i rapporti della partnership con l’impresa sociale “Con i Bambini”.

Saranno valutate positivamente le proposte che prevedano partnership eterogenee e complementari, formate da una pluralità di soggetti pubblici e privati del territorio e da partner istituzionali funzionali alla realizzazione dell’intervento.

Entità del contributo

Il contributo richiedibile può variare da un minimo di 40 mila e un massimo di 100 mila euro.

Spese ammissibili

Tra le spese ammissibili rientrano:

  • Attività di coordinamento, rendicontazione e monitoraggio del progetto (c.d. “trasversali”) fino a un massimo del 10%;
  • Attività da elaborare in corso d’opera per sviluppare la comunità educante tramite attività co-progettate dal territorio (e soggette, successivamente, ad approvazione da parte di “Con i Bambini”) fino a un massimo del 20%;
  • Valutazione di impatto fino a un massimo del 4%;
  • Rimborsi delle spese per viaggi e trasferte fino a un massimo del 10%;
  • Interventi di riqualificazione di immobili (comprensivi di tutte le spese per l’allestimento) funzionali allo svolgimento delle attività di progetto fino a un massimo del 30%;
  • Cofinanziamento: almeno 5%

Nessun soggetto della partnership può gestire una quota superiore al 50% dei fondi; almeno il 65% delle risorse deve essere gestito da enti del terzo settore.

    Quando partecipare

    La scadenza del bando è fissata alle ore 13:00 del 30 aprile 2021.  

     

    Per altre informazioni contattaci

    Privacy

    ANPAL: “Fondo Nuove Competenze” (fin-2013)

    ANPAL: “Fondo Nuove Competenze” (fin-2013)

    ANPAL: "Fondo Nuove Competenze"

    (fin-2013)

    ANPAL: “Fondo Nuove Competenze”

    Descrizione e Obiettivi

    Il Fondo Nuove Competenze, di cui all’art.88, comma 1, del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34, interviene per consentire la graduale ripresa dell’attività dopo l’emergenza epidemiologica, con la finalità di innalzare il livello del capitale umano nel mercato del lavoro offrendo ai lavoratori l’opportunità di acquisire nuove o maggiori competenze e di dotarsi degli strumenti utili per adattarsi alle nuove condizioni del mercato del lavoro, sostenendo le imprese nel processo di adeguamento ai nuovi modelli organizzativi e produttivi determinati dall’emergenza epidemiologica da COVID-19.

    Spese ammissibili

    Gli accordi collettivi devono essere sottoscritti entro il 30 giugno 2021 e devono contenere l’indicazione di:

    • progetti formativi con descrizione dei fabbisogni di nuove competenze utili ai progetti di sviluppo aziendale espressi in modo tale da trovare un riscontro nel repertorio nazionale dei titoli e delle qualificazioni e più in generale nell’Atlante del lavoro tenuto da Inapp e nel Quadro Europeo delle Qualifiche (da EQF 3/4 in su);
    • numero dei lavoratori coinvolti nell’intervento;
    • numero di ore di lavoro da destinare a percorsi per lo sviluppo delle competenze e onere che deve sostenere l’azienda;
    • nei casi di erogazione della formazione da parte dell’impresa, la dimostrazione del possesso dei requisiti tecnici, fisici e professionali di capacità formativa per lo svolgimento del progetto stesso.

    Il limite massimo delle ore da destinare allo sviluppo delle competenze per lavoratore, previa rimodulazione dell’orario di lavoro per mutate esigenze organizzative e produttive dell’impresa, è individuato in 250 ore. Le attività̀ di sviluppo delle competenze devono partire dopo l’approvazione dell’accordo e del progetto formativo da parte di ANPAL e si devono concludere entro 90 giorni dalla data di approvazione della domanda da parte di ANPAL.

    Il predetto termine è elevato a 120 giorni nel caso di accesso ai Fondi Paritetici Interprofessionali.

    Sono individuabili come soggetti erogatori dei percorsi formativi, tutti gli enti accreditati a livello nazionale e regionale, ovvero altri soggetti, anche privati, che per statuto o istituzionalmente, sulla base di specifiche disposizioni legislative o regolamentari anche regionali, svolgono attività di formazione, ivi comprese le università statali e non statali legalmente riconosciute, gli istituti di istruzione secondaria di secondo grado, i Centri per l’istruzione per Adulti-CPIA, gli Istituiti Tecnici Superiori (I.T.S), i centri di ricerca accreditati dal Ministero dell’istruzione, anche in forma organizzata in reti di partenariato territoriali o settoriali. Può svolgere il ruolo di soggetto erogatore della formazione, la stessa impresa che ha presentato domanda di contributo, laddove sia previsto dall’accordo.

      Entità del contributo

      L’ANPAL determina l’importo massimo riconoscibile al datore di lavoro, distinto tra il costo delle ore di formazione e i relativi contributi previdenziali e assistenziali (escluse mensilità aggiuntive e TFR). L’erogazione del contributo è eseguita da INPS, su richiesta di ANPAL, in due tranche: anticipazione del 70% e saldo. Per le ore di formazione, il lavoratore ha diritto alla retribuzione diretta da parte del datore di lavoro. Tale costo verrà rimborsato dal Fondo Nuove Competenze.

      Quando partecipare

      E’ possibile presentare domanda fino al 30 giugno 2021.

      Chi può partecipare

      Possono avvalersi degli interventi del Fondo tutti i datori di lavoro del settore privato (imprese, professionisti o associazioni), indipendentemente dalla dimensione, che abbiano stipulato gli accordi collettivi di rimodulazione dell’orario di lavoro per mutate esigenze organizzative e produttive dell’impresa, stabilendo che parte dell’orario di lavoro sia finalizzato alla realizzazione di appositi percorsi di sviluppo delle competenze del lavoratore.

      Per altre informazioni contattaci

      Privacy

      Bando LIFE: “Programma per l’ambiente e per il clima” (bell-2101)

      Bando LIFE: “Programma per l’ambiente e per il clima” (bell-2101)

      Bando LIFE: "Programma per l'ambiente e per il clima"

      (bell-2101)

      Bando LIFE: “Programma per l’ambiente e per il clima” 

      Descrizione e Obiettivi

      Sul Bando LIFE l’Unione Europea ha previsto un significativo aumento delle risorse messe a disposizione per il nuovo settennato 2021-2027, accantonando la considerevole cifra di 5.4 miliardi di euro.

      Il programma si struttura in due settori:

      • il settore Ambiente, che include il sottoprogramma Natura e biodiversità e il sottoprogramma Economia circolare e qualità della vita,
      • il settore Azione per il clima, che include il sottoprogramma Mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici e il sottoprogramma Transizione all’energia pulita.

      Chi può partecipare

      Possono partecipare al Bando Life 2021 le imprese di tutte le dimensioni, gli enti pubblici, le organizzazioni non a scopo di lucro (comprese le ONG), appartenenti a qualsiasi Paese dell’UE.

       

      Spese ammissibili

      Per la realizzazione dei progetti sono ammissibili le seguenti spese:

      • costi diretti del personale;
      • spese di viaggio e di soggiorno;
      • consulenze;
      • beni durevoli (infrastrutture, attrezzature e macchinari in ammortamento, acquisto o locazione di terreni/diritti fondiari);
      • materiali;
      • altri costi direttamente imputabili al progetto;
      • spese generali (7% dei costi totali)
      • altre spese variabili in base alle specifiche del progetto.

        Entità del contributo

        Sono previsti contributi a fondo perduto generalmente compresi tra il 55% e il 60% delle spese ammissibili.

        Il budget totale di un progetto LIFE oscilla normalmente tra 1.5 milioni e i 3.5 milioni di euro, anche se sono possibili progetti di valore inferiore.

          Quando partecipare

          Il periodo in cui sarà possibile presentare la domanda di contributo verrà indicato nelle prossime settimane con la pubblicazione del bando 2021 e sarà presumibilmente tra giugno e luglio 2021. 

          I nostri progettisti saranno a disposizione per ogni ulteriore chiarimento ed approfondimento delle vostre idee progettuali fino ad un mese prima della scadenza del bando offrendo una analisi gratuita.

          Per altre informazioni contattaci

          Privacy